lunedì 28 luglio 2008

Minestrina rinforzata


Bè, che c'è di meglio, nelle calienti serate estive romane, dove neanche il ponentino ti aiuta a toglierti la callara e l'umidiccio che ti sono rimasti addosso dalla mattina, che ristorarsi con una bella minestrina calda, soprattutto perchè nun c'hai gnente ner frigo? Il naturalista ti ritorna ad inizio del prossimo mese, tu giri come una trottola per uffici poi vai al lavoro e torni sempre tardi la sera e non è che ti vada tanto di spignattare e di far la spesa - soprattutto se il rientro a casa avviene sempre verso le 21,30 ^___^
E meno male che ci sono le amiche con cui passare qualche serata in allegria! Certo, l'indomani sei un mezzo zombie, ma almeno ti sei fatta quattro risate e sei stata in piacevole compagnia!
A parte questo intermezzo privato, ecco cosa mi son preparata ieri sera quando ho deciso che dovevo mangiare qualcosa che non fosse solo un pò di polistirolo espanso e una tazza di latte. E allora?
Minestrina rinforzata. A me, francamente, di mangiare cibi caldi e "invernali" anche d'estate non è che mi dia fastidio o mi faccia uno strano effetto, come succede ad altre persone, per cui:
ho messo a bollire l'acqua con un pò di dado vegetale; al momento dell'ebollizione vi ho gettato i quadrucci - pasta fatta in casa e tagliata a quadrucci appunto - e quando i quadrucci erano cotti, ho spento il tutto e vi ho gettato un ovetto precedentemente sbattuto, insaporito con un pò di sale e formaggio grattugiato, come se dovessi preparare la stracciatella*. Ho mescolato "alacremente" per far rapprendere l'uovo, ho lasciato un pò riposare per far sì che gli ingredienti si amalgamassero bene, e poi ho spatasciato tutto su un piatto condendo la minestrina con altro formaggio grattugiato, olio evo e pepe.
Ecco perchè ho chiamato questa minestrina "rinforzata": e l'uovo, e il parmigiano, e l'olio, e il pepe.
Bè, a me è piaciuta e mi ha fatto sudare da matti! Ma quanto era buona! Si arguisce dalla dimensione XXL del piatto che esso è stato l'unica portata della mia cena.... burp!




* in un altro post spiegherò cos'è... non è un gelato!

8 commenti:

yari ha detto...

La stracciatella mi piaceva molto quando mangiavo le uova!

miciapallina ha detto...

Che meraviglia!
me la devo assolutamente fare anche io.... magari quando fa meno caldo!
sei favolosa!
nasinasi

Claud ha detto...

Hai ragione è buonissima: era il piatto del dopo influenza quando ero piccola!
E... nemmeno a me secca mangiare cibi "invernali" in estate... ci facciamo un po' di polenta fritta?!

Morrigan ha detto...

Grazie ragazzi!
Mi fa piacere sapere che ci sono persone entusiaste del mangiare caldo in estate! ^___^
Claud, la polenta fritta a me va bene, stabiliamo un giorno, un'ora e poi ci diamo alla crapula sfrenata!
Miciapallina, grazie. Il tuo entusiasmo mi fa arrossire.
Yari, bravo che tu del nord sai cos'è la stracciatella. La prima volta che l'ho detto a mio marito pensava parlassi del gelato!
Nasi nasi a tutti

Geillis ha detto...

io adoro le minestrine, anche se di solito è un piatto che uso molto più di inverno che d'estate, questi giorni in Abruzzo però non ho disprezzato per niente zuppe e legumi, ci stavano proprio bene!

P.s. niente vacanze?

Morrigan ha detto...

Grazie Geillis!
Le ferie, incrociando le dita, inizieranno l'11 p.v. per terminare il 30 agosto.
Sono completamente cotta, fusa e non solo dal lavoro. Spero bene!
Baciotti

Nicoleta ha detto...

Carino il tuo blog... anche questa ricetta. Due piccoli premi ti aspettano ,se ti fa piacere a ritirale vai qui

http://agendadinico.blogspot.com/2008/08/meme-contro-labbandono-e-premio.html
Ciao!
Nicoleta

Morrigan ha detto...

Nicoleta, grazie per il premio. ^___^
E il tuo blog bilingue è veramente carino.
Grazie ancora! ^___^