lunedì 10 novembre 2008

Stracciatella


E' un piatto che, a seconda delle latitudini italiche, varia nella composizione e nella preparazione. E pecchè?
Perchè se parlo di "stracciatella" a un nordico probabilmente gli verrà in mente il gelato, se parlo di stracciatella a un centrista-sudista probabilmente penserà alla minestra a base d'uovo che ora vado ad illustrare.
Per me la stracciatella ha la stessa valenza che le "madeleines" proustiane avevano per lo scrittore francese: sono un ritorno all'infanzia e a determinati ricordi di persone e momenti.
Non so perchè mi piace così tanto (o forse sì ^__^), so soltanto che durante i freddi inverni romani (bè dai, quando le stagioni erano stagioni, a dicembre a Roma faceva freddino anzichenò) io, mia sorella e mia mamma ci godevamo il tepore della cucina riscaldata per mezzo del forno a gas acceso (anche se non ci si cucinava nulla il forno era - e per me continua ad essere, con buona pace del consumo di gas - un buon mezzo per riscaldare la cucina d'inverno).
Dicevamo, il fantastico trio si riuniva in cucina (sto parlando di più di trent'anni fa) per stare al caldo, preparare pranzo o cena (mamma), disegnare e fare i compiti (io e sorella) e di tanto in tanto guardare la TV.
Ebbene, in una fredda serata, non so come, a mia mamma viene in mente di preparare questa minestrina a base d'uovo. Non so se già la conosceva e la mangiava durante la sua infanzia, o le fu suggerita da alcune amiche, sta di fatto che ricordo ancora la sera in cui la preparò la prima volta (no, il giorno no e neanche l'anno, ma il momento quello sì!) e quanto mi piacque quando la mangiai. Ancora oggi, se per caso in un ristorante trovo nel menù "stracciatella", può essere ferragosto ed esserci +50° all'ombra ma a tale pietanza non rinuncio, e cerco di prepararla spesso anche a casa.
E' semplicissima!
Ingredienti:

Brodo vegetale (la quantità varia a seconda di quante persone si è; per me e il naturalista è sufficiente una pentola con 1/2 litro di brodo)
Uova (francamente la proporzione "un uovo a persona" non mi soddisfa molto per cui abbondo un po')
sale (con parsimonia che c'è già il brodo)
parmigiano grattugiato (abbondante)
pepe e un po' d'olio

Preparare il brodo e quando arriva a bollore aggiungervi le uova precedentemente sbattute insieme al parmigiano e a un pochino di sale. Spegnere il fuoco, girare bene bene in modo che l'uovo si cuocia e servire ben caldo con una spruzzata di parmigiano, un po' di pepe e un goccino d'olio.
Qui ritratta c'è la versione "rinforzata" ossia ci ho aggiunto un po' di quadrucci, cosa che avevo già fatto con quest'altra minestra.
Buona mangiata!



8 commenti:

marinella ha detto...

Ciao, io sono nordica, ma la conosco la stracciatella, e mi piace un sacco anche! mi hai fatto venire voglia di prepararla. Baciotti

Morrigan ha detto...

Ciao Marinella!!! Brava! Occorre diffondere questo piatto semplice ma bello carico! Baciotti!

deborah - GialloZafferano- ha detto...

Ciao,
Sono Deborah di GialloZafferano e ti contatto per proporti di partecipare al nostro secondo concorso culinario “Sapore di Sfida – Dolce Natale”.
Dopo il successo ottenuto dal nostro primo concorso “Sapore di Sfida – inventa la tua insalata di pasta”a cui avete partecipato in 80, noi di GialloZafferano abbiamo pensato di riproporvi una nuova sfida tutta Natalizia.
Se sei creativo, ti piace cucinare e vuoi metterti alla prova sfidando altri Blogger e Forumisti del nostro sito, questo dolcissimo concorso fa al caso tuo!
Di cosa si tratta? Semplice!
Rivisita o riscopri la ricetta di un dolce Natalizio o inventane una tutta tua personalizzandola secondo i tuoi gusti e la tua fantasia e prova a lasciare a bocca aperta la nostra giuria Vip.
In palio per i primi tre classificati c’è un meraviglioso premio e la possibilità di vedere la propria ricetta pubblicata da Sonia sul sito GialloZafferano.it .
Sei tentato? Partecipare alla competizione è semplicissimo, tutto quello che devi fare è:
1. rimandarci il modulo che trovi in allegato a questa mail, compilato in tutti i suoi campi all’indirizzo deborah.nania@giallozafferano.it entro e non oltre la mezzanotte di Venerdì 14 Novembre
2. registrarti sul Forum di GialloZafferano che trovi a questo indirizzo http://www.giallozafferano.it/forums/ (se sei già iscritto salta questo passaggio)
Bene! Ora sei iscritto alla gara… non ti resta altro da fare che postare la tua ricetta! Ecco come:
1. Posta la tua ricetta nell’apposita sezione creata per il concorso, entro e non oltre la mezzanotte di Venerdì 28 Novembre, scrivendo la ricetta completa di ingredienti, una (o massimo due ) foto del piatto finito, ed il link di rimando al tuo Blog.
2. Posta la ricetta completa sul tuo Blog, in modo che i tuoi affezionati lettori possano seguirti, con un link di rimando al Forum di GialloZafferano.
Ti chiedo solo di rispettare i termini di scadenza perché tutte le ricette postate oltre la data e l’ora di scadenza non saranno prese in considerazione ai fini del giudizio finale.
Una volta terminato il tempo di consegna delle ricette, una giuria di Vip si riunirà per decretare i primi tre classificati, quelli cioè che hanno saputo meglio esprimere lo spirito Natalizio attraverso la propria ricetta.
Se deciderai di partecipare al concorso, noi di Giallo Zafferano ti invieremo un simpatico gagliardetto da apporre in Home Page che attesta la tua partecipazione alla gara.
Ovviamente, tutti i nostri 45.000 utenti saranno sollecitati a gironzolare nelle cucine virtuali dei vari Blog partecipanti ed a lasciare dei commenti alle ricette in lizza per la vittoria.
Ti piace questa iniziativa?
Allora affrettati a confermare la tua iscrizione entro Venerdì 14 Novembre… vi aspettiamo numerosi!
Per maggiori informazioni puoi consultare il Regolamento Completo presente sul nostro Forum o il comunicato stampa.
Per qualsiasi domanda o richiesta considerami a tua disposizione.
Deborah

Claud ha detto...

Yup! Mia madre la impiattava quando ci vedeva debolucce!
Ancora oggi mia sorella la elegge a piatto della consolazione!

Hirilla ha detto...

Pensa che, quand'ero piccola, non ne andavo pazza... forse per la consistenza.
Ora mi piace molto, è un ottimo piatto per quando hai freddo e non ti va di passare troppo tempo davanti ai fornelli.

Per me, però, la "madeleine proustiana" è il latte scaldato una scorza di limone e dolcificato col miele.
Mia madre ce lo faceva quand'eravamo raffreddate, ha un aroma delizioso. :)

yari ha detto...

Ma sono stordito, o non avevi già presentato questa ricetta qualche tempo fa? (probabilmente la prima!)

barbara ha detto...

wow!!!...cercherò di tornare,ho visto una lista di ricette.....(anche se in cucina sono negata,me la cavo meglio con i pennelli e gli animali..)

Morrigan ha detto...

@Yari: sei andato in Giappone ma mica sei stordito... bè però un po' distratto sì!
Hai notato che alla fine del post ho citato l'altra ricetta? In pratica l'avevo già fatta ma stavolta ho messo l'accento sulla stracciatella... gnam!
Che tanto non ti mangerai mai... a meno che non ne inventi una vegana!
@Barbara: mi fa piacere se tornerai. Complimenti per il blog e le ideuzze e tanti auguri per la panciotta! ^__^