lunedì 28 gennaio 2008

La fortuna è cieca...


... ma la sfiga ci vede benissimo.
Faccio mie queste "sante" parole di Lupo Alberto perchè non so proprio come descrivere quanto mi sta accadendo da un pò di tempo.
Il naturalista organizza un viaggetto in Spagna, di pochi giorni, addirittura da settembre dell'anno scorso. Tutto è a posto, riesci pure a partire, ti godi i primi due giorni di viaggio e poi?
Devi rientrare di corsa perchè papino è stato ricoverato. ^O^
Ma come? Avvisaglie non ve n'erano. Che è successo?
Allarme rientrato, ma il pensiero costante che la sfiga cominci a essere un pò troppo presente, soprattutto nella vita di papà - ma anche nella mia of course -, inizia a darmi l'urto di nervi.
Qualcuno esegua una macumba propiziatoria, please!
Sono, però, riuscita a godermi almeno due giorni e mezzo di vacanzina in quel di Santiago di Compostela e Vigo.
La prima cittadina mi è piaciuta assai: antica, con la cattedrale veramente imponente, costruita con stile plateresco-goticheggiante (se non ricordo male), ma che a me fa venire in mente i castelli di sabbia che si fanno al mare facendo scorrere la sabbia molto bagnata fra le dita per vedere l'effetto che fa. Sono stata chiara?
Vigo è meno "monumentale" e storica di Santiago, ma vale la pena farci un salto e starci un giorno massimo due.
Spazio cibo: visto che questo è un blog in cui il cibo la fa da padrone non posso esimermi dal consigliare qualche ristorantino "veg": pochi ma buoni.
Pochi poichè in queste zone il pesce e i molluschi la fanno da padrone quindi i ristoranti sono pieni di piatti di pesce, ostriche, cozze e soprattutto del "polpo alla gallega".
Ma sul fronte dei mangiatori di foglie (eheheheh!) a Santiago di Compostela c'è un ristorante veg che si chiama "O triangulo das verduras" (la scritta è in galiziano, idioma fra lo spagnolo e il portoghese) e non è niente male, ma anche il ristorantino della catena Cre-Cotte [seppur non veg] è carino, sia come ambiente che come cibarie, vedere il link.
A Vigo, invece, vi è il "Galgala" e vale la pena andarci perchè è proprio bellino e si è mangiato veramente bene.
Spero di poter ritornare per continuare la visita di questa zona della Spagna - la Galizia - veramente molto bella!
Dovevamo andare anche a Pontevedra, dovevamo :-[[[
Salutoni.

-------
Immagine tratta da un blog non più aggiornato: http://crom.splinder.com/

9 commenti:

marinella ha detto...

Ma che peccato! mi dispiace molto sia per il tuo viaggio che per il tuo papino, meno male che è cessato l'allarme.

stelladisale ha detto...

mannaggia, mi dispiace, evvai con la macumba... l'abbiamo fatta quando pioveva ed ha funzionato, chissà... :-)

enza ha detto...

nooooo spetta che mi metto su una bella pelle d'orso e attacco la danza :)

Geillis ha detto...

che sfiga, sul serio...mi spiace veramente, per fortuna il pericolo p rientrato, però...

Hai qualche foto del viaggio?

NIGHTFAIRY ha detto...

Mannaggia, che sfortuna :(

Morrigan ha detto...

Care ragazze, grazie per il sostegno.
Ora l'allarme è rientrato ma vi assicuro che stare a chilometri di distanza e sentire "papà è stato ricoverato" e tu rimani un attimo basita non è una bella sensazione.
Mi unisco alle macumbe e Geillis, prometto che quando il naturalista avrà scaricato un pò di foto non mi esimerò dal descrivere questa, seppur breve, vacanza.
Un bacione a tutte! Vi sento molto vicine... o com'è? O___o

Anonimo ha detto...

Un abbraccio.
Da noi l'esperta di macumbe è Biba - il Cane Mordace, ovvero la Preferita del Naturalista. Chiederò di intercedere per voi!!! ;))

Tuttoburro's Mom

Marinera de parajes soñados ha detto...

Ciao!!!

Mi fa tanto piacere che ti sia piaciuta la mia terra, non la visita così tanta gente :D

Un saluto

Anahí

Morrigan ha detto...

Gracias Anahí.
Espero poder regresar nuevamente a España, y sobre todo en Galicia, lo más antes posible para seguir visitando las ciudades y los lugares que no pudo ver en enero.
¡Hasta pronto!
Cris